Aniasa: svecchiare parco auto con incentivi usato euro 6

Audizione Archiepatti alla commissione trasporti del Senato

Redazione ANSA ROMA

"E' necessario stimolare la domanda di mobilità sicura, eco-sostenibile e condivisa. Per svecchiare il nostro parco circolante, il secondo più anziano d'Europa, è necessario attuare misure in grado di promuovere la sostituzione dei veicoli più inquinanti con soluzioni di ultima generazione alla portata delle famiglie italiane che stanno fronteggiando la crisi". Sono queste le principali evidenze emerse nel corso dell'audizione informale presso la decima Commissione Industria, del Presidente ANIASA Massimiliano Archiapatti. "I dati dimostrano che l'ecobonus non ha prodotto la rottamazione dei veicoli più inquinanti - ha sottolineato Archiapatti - ma ha privilegiato gli acquisti di veicoli di gamma alta. Incentivare 'l'usato fresco' consentirebbe, invece, di produrre immediati benefici sulla domanda di mobilità, sull'ambiente e, non ultimo, sul fronte delle Entrate per l'Erario". Archiapatti ha affermato che sul fronte degli acquisti di auto con ecobonus (fonte Ministero dello Sviluppo Economico), da aprile 2019 al 10 giugno 2020 sono state completate 14.060 prenotazioni di autoveicoli per un impegno di 55,1 milioni di euro. Delle 14.060 auto prenotate, ben 10.897 (76%) non hanno previsto la rottamazione di altro veicolo, solo 3.136 (il 22%) sono state comprate con contestuale rottamazione. "Questo è un dato significativo che testimonia il mancato raggiungimento degli obiettivi che il Governo si era posto". L'Associazione ha avanzato al Governo una proposta che produrrebbe immediati benefici sulla domanda di mobilità, sull'ambiente e, non ultimo, sul fronte delle Entrate per l'Erario: estensione dell'ecobonus, oggi previsto solo per limitate fasce di veicoli, alle vetture usate con standard di emissioni Euro 6 a seguito di rottamazione di veicoli Euro 0, 1, 2, 3 e 4. Per venire incontro alle esigenze di cassa del Governo, l'ecobonus potrebbe essere erogato tramite credito d'imposta o mediante esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche e avrebbe il pregio di raggiungere classi sociali con minore capacità di spesa. Proprio quelle famiglie in possesso di veicoli più inquinanti e che senza supporto non cambierebbero la propria auto.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie