Società & Diritti

Carriere all'estero, i 10 migliori paesi per le donne (l'Italia non c'è)

Messico al top ricerca InterNations. In Europa Gran Bretagna e Irlanda

Una donna a Londra (fonte InterNations) © Ansa

Andare a lavorare all'estero: si parla molto di fuga di cervelli o comunque di mobilità lavorativa internazionale. Ecco cosa emerge da una ricerca inedita anticipata all'ANSA da InterNations, la più grande community internazionale delle persone che vivono e lavorano all'estero, 3 milioni di membri in 390 città del mondo.

7.000 donne expat che vivono in 168 paesi hanno risposto nell'ambito del sondaggio annuale Expat Insider per far emergere una speciale classifica, quella dei 10 paesi in cui le donne possono intraprendere maggiormente una carriera lavorativa. 

La classifica dei 10 paesi favorevoli a carriere femminili è stabilita dalla media di tre fattori: livello salariale superiore all'estero, aspettative e soddisfazione per le prospettive di carriera, orario settimanale di lavoro.
Messico, Myanmar, Cambogia, Bahrein, Nuova Zelanda hanno le prime 5 posizioni. Kazakhstan, Gran Bretagna, Usa, Kenia, Irlanda le successive 5. Italia assente.

Più della metà delle donne che lavorano all'estero (51%) sono soddisfatte delle opportunità di carriera. Ma allo stesso tempo, un terzo di loro (33%) dichiara che il loro reddito all'estero è inferiore a quello che farebbero in un lavoro simile nel paese d'origine, rispetto a solo un quarto degli uomini (25%) che dichiara lo stesso, come rivela il network InterNations. Inoltre, la maggior parte delle donne che si trasferiscono all'estero per motivi lavorativi ha trovato un lavoro autonomo (47%).

Trasferirsi all'estero per la loro carriera: donne e uomini a confronto
Sebbene quasi un quarto delle donne (il 24%) si trasferisca all'estero per ragioni legate al lavoro, questo è ancora di 16 punti percentuali in meno rispetto agli uomini. Soprattutto tra gli expat inviati all'estero, le donne sono ancora molto più rare degli uomini: mentre solo il 7% delle donne sono state mandate all'estero dal datore di lavoro, gli uomini sono il 15%. Tuttavia, quando si tratta di essere auto-motivati, le donne hanno una grande risposta: l'11% delle donne emigrate dichiara di aver trovato un lavoro all'estero come motivo principale per trasferirsi all'estero, che è solo due punti percentuali in meno rispetto a tra gli uomini (13%).

 Al di là dei numeri, dalla ricerca emergono ancora pregiudizi e stereotipi antichi: una donna che cerca soddisfazione professionale e carriera all'estero è ancora considerata una persona 'strana' (the odd man out), una sorta di fuggiasca, cosa che accade molto meno se l'expat è un uomo.

Qui il report completo

Più della metà delle donne che lavorano all'estero (51%) sono soddisfatte delle opportunità di carriera. Ma allo stesso tempo, un terzo di loro (33%) dichiara che il loro reddito all'estero è inferiore a quello che farebbero in un lavoro simile a casa, rispetto a solo un quarto degli uomini (25%) che dichiara lo stesso, come InterNations, la rete più grande del mondo per le persone che vivono e lavorano all'estero, rivela
- Messico, Myanmar, Cambogia, Bahrein e Nuova Zelanda offrono le migliori prospettive di carriera per le donne. - Il 51% delle donne che lavorano all'estero è felice delle loro opportunità di carriera, con il 13% persino molto felice. - La maggior parte delle donne che si trasferiscono all'estero per motivi lavorativi ha trovato un lavoro autonomo (47%).
Trasferirsi all'estero per la loro carriera: donne contro uomini Sebbene quasi un quarto delle donne (il 24%) si trasferisca all'estero per ragioni legate al lavoro, questo è ancora di 16 punti percentuali in meno rispetto agli uomini. Soprattutto tra gli espatriati inviati all'estero, le donne sono ancora molto più rare degli uomini: mentre solo il 7% degli espatriati sono stati mandati all'estero dal datore di lavoro, gli espatriati hanno il doppio delle probabilità (15%) di chiamare lo stesso motivo per trasferirsi all'estero . Questo vale anche per gli espatriati reclutati da una compagnia locale (4% donne contro 9% uomini) e coloro che volevano iniziare la propria attività all'estero (1% donne contro 3% uomini). Tuttavia, quando si tratta di essere più motivati, le donne sono prossime al recupero: l'11% delle donne emigrate dichiara di aver trovato un lavoro all'estero come motivo principale per trasferirsi all'estero, che è solo due punti percentuali in meno rispetto a tra gli uomini (13%).

La classifica dei 10 paesi favorevoli a carriere femminili è stabilita dalla media di tre fattori: livello salariale superiore all'estero, aspettative e soddisfazione per le prospettive di carriera, orario settimanale di lavoro

Messico, Myanmar, Cambogia, Bahrein, Nuova Zelanda hanno le prime 5 posizioni

Kazakhstan, Gran Bretagna, Usa, Kenia, Irlanda le successive 5

Dalla ricerca emerge che l'idea di una donna che cerca soddisfazione professionale e carriera all'estero è ancora considerata una persona 'strana' (the odd man out), una sorta di fuggiasca, cosa che accade molto meno se l'expat è un uomo

Dalla ricerca emerge che l'idea di una donna che cerca soddisfazione professionale e carriera all'estero è ancora considerata una persona 'strana' (the odd man out), una sorta di fuggiasca, cosa che accade molto meno se l'expat è un uomo

Dalla ricerca emerge che l'idea di una donna che cerca soddisfazione professionale e carriera all'estero è ancora considerata una persona 'strana' (the odd man out), una sorta di fuggiasca, cosa che accade molto meno se l'expat è un uomo

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:
  • di Alessandra Magliaro
  • 07 marzo 2018
  • 13:10

Condividi la notizia