Cassazione, panino da casa no in mensa

Accolto ricorso Comune di Torino, genitori 'sconfitti'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 30 LUG - Non esiste un "diritto soggettivo" a mangiare il panino portato da casa "nell'orario della mensa e nei locali scolastici" e la gestione del servizio di refezione è rimesso "all'autonomia organizzativa" delle scuole. Lo hanno stabilito le Sezioni Unite della Cassazione, accogliendo il ricorso del Comune di Torino, ribaltando una pronuncia favorevole ai genitori degli alunni che preferivano alla mensa il pasto portato da casa.
    "Alla luce del nuovo pronunciamento delle Sezioni Unite, l'Amministrazione procederà a supportare le famiglie e le scuole nelle prossime delicate fasi organizzative che conseguono al suddetto pronunciamento", commenta l'assessora all'Istruzione della Città di Torino, Antonietta Di Martino.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA