Carceri, arriva bando per reinserimento

2,5 mln per interventi in grado di dare una"seconda possibilità"

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 4 APR - La Fondazione "Con il Sud" promuove "E vado a lavorare", la seconda edizione del bando per il reinserimento sociale dei detenuti, attraverso il lavoro. A disposizione 2,5 milioni di euro di risorse private per progetti capaci di dare una reale "seconda possibilità" alle persone che si trovano in regime di detenzione ordinario e/o in regime alternativo alla detenzione nelle regioni del Sud Italia. L'invito è rivolto alle organizzazioni del Terzo settore di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia, che possono presentare proposte di progetto che favoriscano il reinserimento sociale dei detenuti nella comunità, anche con il fine di ridurre i tassi di recidiva. Le proposte dovranno prevedere l'avvio, durante il periodo della detenzione, di esperienze lavorative in grado di favorire l'integrazione socio-lavorativa del detenuto, ritenendo il lavoro una componente fondamentale del processo rieducativo. L'inserimento lavorativo potrà avvenire all'interno o all'esterno delle carceri in realtà già consolidate oppure attraverso la costituzione di nuovi soggetti di imprenditorialità sociale. Inoltre, grazie al protocollo di intesa recentemente sottoscritto dalla Fondazione Con il Sud con il Ministero della Giustizia e con l'ANCI, le proposte potranno prevedere il coinvolgimento dei detenuti in progetti di pubblica utilità e di volontariato, sempre ai fini del perseguimento dell'obiettivo di integrazione socio-lavorativa del reo. Le proposte dovranno essere formulate da partenariati che comprendano almeno una struttura penitenziaria e almeno un partner del Terzo Settore. Gli altri soggetti componenti la partnership potranno appartenere al mondo delle istituzioni, delle università, della ricerca e del mondo economico. Il bando è disponibile sul sito della Fondazione CON IL SUD (www.fondazioneconilsud.it). È possibile partecipare tramite il portale Chàiros entro il 19 giugno 2019. "Con questo bando, vogliamo riaffermare il diritto di ogni persona ad avere una seconda possibilità vera. L'abbiamo chiamato 'E vado a lavorare' con l'auspicio che il lavoro possa essere davvero uno strumento di evasione dalle criticità della vita", spiega Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione Con il Sud.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA