Spot Alfa Romeo a Firenze, protestano le ong ambientaliste

Mostra Giulia che corre per i vicoli, "violento e diseducativo"

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Un gruppo di associazioni ambientaliste e di ciclisti ha chiesto, in una lettera aperta ai ministri della Cultura, Dario Franceschini, e delle Infrastrutture, Paola de Micheli, e al sindaco di Firenze, Dario Nardella, di bloccare uno spot televisivo dell'Alfa Romeo che, utilizzando il trailer di un film d'azione americano di prossima uscita, mostra una Giulia che corre per le vie del capoluogo toscano, mettendo a rischio pedoni e ciclisti. I firmatari sono FIAB Onlus, Famiglie senz'auto, Kyoto Club, Alleanza Mobilità Dolce, Rete #vivinstrada, Fondazione Michele Scarponi, Fondazione Luigi Guccione, Bike to school, Salvaiciclisti, Italian Cycling Embassy.

"In questi giorni - scrivono le ong - imperversa sui canali Rai e sulle principali reti private italiane lo spot dell'Alfa Romeo inneggiante la capacità "distruttiva" di una velocissima auto color verde acido, che entra nel centro storico di Firenze a tutta velocità, schivando pedoni e ciclisti, facendosi largo tra i vicoli medievali e persone indifese".

"Un messaggio violento, diseducativo e fuorviante - prosegue la lettera -. Incita alla trasgressione delle regole del Codice della strada, quando il tema della sicurezza dovrebbe essere l'obiettivo comune da perseguire in un Paese in cui si registrano ancora quasi 3.500 morti l'anno per incidenti stradali".

Lo spot, scrivono le ong, "sfrutta alcune sequenze di "6 Underground", il nuovo film di Michael Bay che il regista americano ha realizzato per Netflix, e di cui è online il primo trailer. Visto così, non come "trailer" del film, ma come spot pubblicitario a sé stante, quei trenta secondi sono uno schiaffo alle persone e alle città, non soltanto alla città di Firenze".

Per questo le associazioni chiedono di "interrompere immediatamente la messa in onda sulle reti televisive di quello spot pubblicitario". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA