Nucleare: D'Incà, verifiche Gdf attivate da denunce di Sogin

Massima collaborazione e trasparenza anche da Nucleco

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 20 APR - Le verifiche della Guardia di Finanza, che ha perquisito gli uffici di Nucleco, società controllata da Sogin focalizzata sulla gestione dei rifiuti radioattivi a media e bassa attività, "in massima parte, sono state attivate a seguito del deposito di una denuncia da parte della stessa Sogin nel corso del 2020", afferma il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D'Incà, al question time alla Camera dove risponde a una interrogazione rivolta al ministro per la Transizione ecologica. L'interrogazione fa riferimento all'acquisizione di documenti, da parte della Gdf, relativi al progetto Cemex (l'impianto di condizionamento dei rifiuti liquidi che verrà realizzato a Saluggia) e ai contratti con la società slovacca Javys (per la spedizione di rifiuti radioattivi all'estero). Il ministro risponde che "Sogin e la Nucleco stanno operando in un clima di massima collaborazione e trasparenza con le Autorità interessate".

Nelle attività di decommissioning, al 31 dicembre 2021 Sogin ha eseguito circa il 35,5% dei lavori di smantellamento dei siti, di cui il 7,2% nel corso del 2021.

"Tale percentuale di avanzamento risulta essere superiore rispetto alla media degli anni precedenti - dice il ministro - e confermo che anche il 2022 produrrà un risultato significativo, in linea con il trend positivo del 2021. I risultati esposti confermano le previsioni del piano industriale 2020-2025.

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA