Enpa, cani e gatti costano troppo, oltre 57mila abbandoni

Associazione chiede taglio 10% Iva su cibo e visite veterinarie

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 04 OTT - Sono aumentati gli abbandoni di cani e gatti e le cessioni sono sempre più numerose: lo afferma l'Enpa precisando che "dal primo gennaio al 30 settembre sono 17.585 i cani ospiti nei nostri rifugi e 39.752 i gatti accuditi tra gattili e colonie feline" e che "le adozioni sono in grande calo". Per non parlare di casi di "violenza e maltrattamento di animali sempre più frequenti che le nostre Guardie Zoofile Enpa e i nostri volontari sul territorio intercettano. Solo quest'anno l'ufficio legale Enpa ha presentato oltre 230 denunce, più di 50 costituzioni di parte civile, 40 diffide e ottenuto 42 condanne, senza considerare gli innumerevoli decreti penali di condanna applicati.

"Oggi nel giorno di San Francesco - afferma Carla Rocchi, presidente nazionale dell'Ente nazionale protezione animali -si celebrano gli animali ma diciamo la verità c'è poco da festeggiare". "Purtroppo quest'estate abbiamo riscontrato un aumento del 15% delle cessioni di pet alle nostre strutture. Tra le cause principali - aggiunge - c'è proprio il fattore economico che incide quasi per il 50% delle cessioni".

Dopo aver raccolto lo scorso weekend migliaia di firme per la riduzione del 10% dell'Iva su cibo per animali e spese veterinarie in occasione della Giornata degli Animali Enpa 2022, oggi, nella giornata di San Francesco, l'Ente Nazionale Protezione Animali lancia la stessa petizione in modalità online (https://chng.it/pr9wpyjk9t). "Mantenere un cane in buona salute costa circa 120 euro al mese, quando poi subentrano malattie e problemi di salute i costi lievitano notevolmente. Solo dall'inizio di quest'anno Enpa ha aiutato oltre 1000 famiglie in difficoltà attraverso il progetto dedicato Enpa Rete Solidale".

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA