Prada: Lorenzo Bertelli, presto altri partner per Sea Beyond

Ma non pensiamo a finanziamenti dal governo per il progetto

Redazione ANSA VENEZIA
(ANSA) - VENEZIA, 04 MAG - "L'Unesco è un nostro partner strategico, per la terza edizione di Sea Beyond stiamo iniziando a chiacchierare con altri partner per ampliare il progetto.

Vorremmo portare a bordo di questa piattaforma anche altri partner e siamo già in discussione con alcuni".

Lo ha affermato Lorenzo Bertelli, Head of Corporate Social Responsibility di Prada in occasione della presentazione di 'Asilo della Laguna' a Ca' Corner Della Regina, sede veneziana della Fondazione del gruppo milanese. Bertelli ha escluso tuttavia di voler ricorrere a finanziamenti pubblici sull'ambiente per Sea Beyond, il programma finora realizzato con l'Unesco. "A oggi non c'è una conversazione col governo su queste tematiche. Non abbiamo intenzione di sottrarre fondi alle attività pubbliche per altre che potrebbero dare visibilità al privato. Non è questo il nostro spirito aziendale", ha spiegato.

"La Laguna di Venezia era un po' simbolica perché Venezia è una città sia di terra sia di mare, aveva forte valore simbolico, con Unesco ci siamo consigliati sui progetti migliori e abbiamo pensato di fare questo primo progetto con la scuola materna qui a Venezia, non sarà l'unico e neanche l'ultimo, avrà una continuità", ha sottolineato il figlio di Miuccia Prada e Patrizio Bertelli sul motivo per cui si sia partiti da Venezia per le lezioni sull'ambiente destinate ai bambini delle scuole d'infanzia.

"Oggi il mantra delle aziende è che, oltre alla sostenibilità economica, c'è anche la sostenibilità ambientale e sociale. Noi abbiamo tolto la parte di sostenibilità economica, perché è un mezzo per raggiungere un fine, sostituendola con quella culturale perché pensiamo che la cultura sia un pillar fondamentale. Perché abbiamo scelto l'oceano? Il progetto è partito nel 2019 legato al nylon, per Prada il nylon è un materiale iconico e già nel 2019 è iniziato il processo di conversione del nylon vergine in nylon riciclato. Poi dalla fine del 2021 tutto il nylon dei nostri prodotti arriva dalle reti da pesca recuperate negli oceani e dai tappeti usati, tutto materiale post consumer che aiuta a sviluppare un'economia circolare", ha spiegato Bertelli a margine dell'incontro con la stampa nel corso del quale ha preannunciato novità sul finanziamento da parte dell'azienda del programma Sea Beyond dalla vendita dei prodotti del marchio, a partire dalle borsette, in nylon rigenerato. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA