Il ciclo dell'acqua sta accelerando, destabilizzerà il clima

Il riscaldamento globale aumenta l'evaporazione

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 03 MAG - Il riscaldamento globale sta accelerando il ciclo dell'acqua: un fattore chiave che potrebbe destabilizzare il sistema climatico della Terra, provocando tempeste più violente e causando uno scioglimento dei ghiacci più rapido. Lo afferma uno studio coordinato dall'Istituto di Scienze Marine del Consiglio Superiore per la Ricerca Scientifica (Icm-Csic) di Barcellona, pubblicato sulla rivista Scientific Reports. La causa è l'aumento dell'evaporazione delle acque superficiali in mari e oceani, che provoca una maggiore circolazione dell'acqua nell'atmosfera sotto forma di vapore.

"L'accelerazione del ciclo dell'acqua ha implicazioni sia per gli oceani che per i continenti, dove le tempeste potrebbero diventare sempre più intense", afferma Estrella Olmedo, alla guida del gruppo. "Questa maggiore quantità di acqua circolante nell'atmosfera potrebbe anche spiegare l'aumento delle precipitazioni che si sta rilevando in alcune aree polari - continua Olmedo - dove il fatto che piova invece di nevicare sta accelerando lo scioglimento dei ghiacci".

La ricerca ha mostrato, inoltre, che la diminuzione del vento in alcune zone dell'oceano potrebbe contribuire all'accelerazione del ciclo dell'acqua: quando il vento rallenta, infatti, la colonna d'acqua sottostante non si rimescola abbastanza e lo strato più superficiale si riscalda e diventa più salino rispetto agli strati inferiori, cosa che aumenta ulteriormente l'evaporazione.

I ricercatori hanno utilizzato i dati registrati da Smos (Soil Moisture and Ocean Salinity), un satellite per l'analisi della salinità degli oceani e dell'umidità del suolo sviluppato dall'Agenzia Spaziale Europea (Esa), in funzione dal 2009.

Secondo gli autori dello studio i dati satellitari sono diventati fondamentali nello studio dei cambiamenti climatici, perché consentono di studiare i fenomeni in modo continuo, indipendentemente dalle condizioni ambientali e dall'accessibilità dei luoghi. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA