Energia: l'agro-fotovoltaico azzera il consumo di territorio

Ef Solare, con rinnovabili produzione elettrica più democratica

Redazione ANSA MILANO

(ANSA) - MILANO, 27 OTT - L'agro-fotovoltaico consente una transizione energetica in grado di azzerare il consumo di territorio, mentre le rinnovabili consentono di "democratizzare il processo produttivo dell'energia". E' quanto sostiene Andrea Ghiselli, amministratore delegato di EF Solare, azienda trentina, primo operatore di fotovoltaico in Italia e tra i principali in Europa. Il manager, che ha partecipato al dibattito 'Fare i conti con la transizione energetica' al Key Energy 2021 ha sottolineato che "la transizione energetica deve essere intesa come una vera opportunità per l'ambiente e l'economia del Paese, anche perché genera più infrastrutture ed occupazione locale, oltre che energia pulita". "Le rinnovabili - ha aggiunto - permettono una democratizzazione della produzione elettrica, stimolando investimenti in aree del nostro Paese che meno di altre ne hanno beneficiato nel passato, ma che ora diventano prioritarie in quanto dotate di queste risorse". "Noi di EF Solare - ha concluso - pensiamo di poter dare un importante contributo alla transizione energetica proponendo un approccio basato su temi non divisivi, come il rinnovamento degli impianti fotovoltaici esistenti e lo sviluppo di un modello di agro-fotovoltaico a consumo del terreno nullo".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA