Carovana prevenzione a Castel di Sangro

Promossa da Komen Italia insieme all'Associazione 'AmoRosa'

(ANSA) - CASTEL DI SANGRO (L'AQUILA), 20 OTT - Un successo la giornata per la tutela della salute femminile a Castel di Sangro con la "Carovana della Prevenzione" di Komen Italia. Nell'ambito della campagna per la sensibilizzazione alla cultura della prevenzione dei tumori del seno promossa da Komen Italia per il BreastCancer Awareness Month e con la collaborazione del Comitato Abruzzo, l'Associazione "AmoRosa" ha ospitato la "Carovana della Prevenzione" che in ottobre ha toccato 20 tappe nel Paese. In piazza Plebiscito ieri, dalle 11 alle 18.30 sono state effettuate 108 visite gratuite di cui: 37 mammografie, 18 ecografie mammarie, 16 visite ginecologiche e 37 visite alla tiroide con ecografia. "Fare rete contro l'insorgere di malattie importanti è necessario per facilitare il lavoro degli operatori. Le Associazioni possono fare molto per sensibilizzare alla prevenzione, coadiuvando il lavoro di chi si impegna ogni giorno in questa dura battaglia" ha commentato la presidente di AmoRosa Raffaella Dell'Erede. "A distanza di neppure un mese dalle attività cliniche svolte nel Villaggio della Salute della 'Race for the cure' a Pescara abbiamo voluto nuovamente riportare la Carovana in Abruzzo con la tappa di Castel di Sangro - commenta Isabella Marianacci, presidente del Comitato Abruzzo della Susan G.Komen Italia - Obiettivo principale del progetto è offrire gratuitamente prestazioni cliniche e diagnostiche di prevenzione dei principali tumori femminili alle donne appartenenti a categorie svantaggiate sotto il profilo socio-economico e che non rientrano nelle fasce di screening previste dalla Regione Abruzzo, in un'ottica di sinergia e complementarietà. Ovunque andiamo la 'Carovana della Prevenzione' riscuote tanto entusiasmo e una grande partecipazione, confermando di essere un mezzo efficace per avvicinare la popolazione alla prevenzione, trasmettendo il messaggio che è una preziosa alleata nella lotta contro queste difficili patologie oncologiche, divenute un problema sociale di grande rilievo".(ANSA).

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA