Autonomia,Boccia 'aree interne priorità'

'Funziona se nessuno resta indietro'

(ANSA)-PESCARA, 18 OTT- "Le aree interne sono una priorità assoluta, altrimenti si svuotano. L'Autonomia funziona se nessuno resta indietro. L'idea di questa legge quadro è che dovrà tenere insieme il Paese e dovrà consentire a tutte le aree in ritardo di sviluppo, non solo le regioni in ritardo, ma anche le aree in ritardo all'interno delle regioni, di ottenere priorità rispetto alle aree più sviluppate". Lo ha detto a Pescara il ministro per gli Affari regionali e le autonomie Francesco Boccia, dopo un incontro con il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio. "Se parliamo dell'articolo 116 della Costituzione, non possiamo dimenticare tutti gli articoli dal 114 al 119: rappresentano una sinfonia. L'Autonomia non la si fa come se fosse uno strumento unico, ma come se fosse un'orchestra". "Il modello ereditato - ha aggiunto Boccia - non era sostenibile, perché era impossibile ipotizzare intese istituzionali tra Regioni e Stato che non passassero dal Parlamento e non facessero riferimento agli altri articoli della Costituzione".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA